Insegno Sos…

Archivio per ottobre, 2016

LE ANTICHE CIVILTA’

Un breve video per ripassare quanto studiato finora

Annunci

Pompei: gli ultimi giorni

Il breve governo dell’Imperatore Tito fu funestato nel 79 d.C.da un evento eccezionale, che ancora oggi possiamo rivivere visitando i siti archeologici, unici al mondo,  di Pompei, Stabia ed Ercolano…

 

Tra le fonti letterarie che documentano gli ultimi giorni di Pompei ricordiamo le lettere che Plinio il Giovane scrisse allo storico amico Tacito, nelle quali egli ricorda la fine di Pompei e dello zio, il  naturalista Plinio il Vecchio, autore della Naturalis historia, che morì proprio durante l’eruzione del Vesuvio.

 

 

L’Ara Pacis

L’Ara Pacis Augustae (Altare della pace augustea) è un altare dedicato da Augusto  nel 9 a.C. alla Pace  nella sua accezione di divinità, e originariamente posto in una zona del Campo Marzio consacrata alla celebrazione delle vittorie, luogo emblematico perché posto a un miglio (1.472 m) dal pomerium, limite della città dove il console di ritorno da una spedizione militare perdeva i poteri ad essa relativi (imperium militiae) e rientrava in possesso dei propri poteri civili (imperium domi). Questo monumento rappresenta una delle più significative testimonianze pervenuteci dell’arte augustea ed intende simboleggiare la pace e la prosperità raggiunte come risultato della Pax Romana

Quando tornai a Roma dalla Spagna  e dalla Gallia […] compiute felicemente le imprese in quelle province, il Senato decretò che per il mio ritorno si dovesse consacrare l’ara della Pace Augusta presso il Campo Marzio e dispose che in essa i magistrati, i sacerdoti e le vergini vestali celebrassero un sacrificio annuale. »

Augusto, Res Gestae

 

Risultati immagini per ara pacis

 

Risultati immagini per ara pacis

Ammirare l’Ara Pacis com’era in origine? La tecnologia può fare anche questo. E si chiama appunto “L’Ara com’era” l’intervento sistematico di valorizzazione compiuto sul grande altare, fatto costruire da Augusto tra il 13 e il 9 a.C. in Campo Marzio per celebrare la pace nei territori dell’impero. Dal 14 ottobre, infatti, il monumento sarà visitabile in maniera del tutto nuova: grazie a particolari visori ar e alla fotocamera degli smartphone abbinati, si potrà vedere l’Ara in realtà aumentata e virtuale. In pratica, la visita al monumento si trasformerà in un’esperienza multisensoriale, in una vera immersione nella storia della Roma imperiale.

Dal 14 ottobre saranno aperte le visite multisensoriali e virtuali al celebre monumento dell’età augustea. Per calarsi nella storia e immergersi nella Roma imperiale, grazie alla tecnologia

{}

 

 

LA STELE DI ROSETTA: un’importante scoperta per decifrare la lingua degli Egizi

Se oggi siamo in grado di leggere i gieroglifici è grazie ad una stele di granite nera, scoperta nel 1799 dal potente esercito francese sbarcato in Egitto al comando di Napoleone Bonaparte.

Al seguito dell’imperatore viaggiavano scienziati con l’incarico di scoprire e studiare i resti delle antiche civiltà egiziane. Fra gli oggetti raccolti durante la spedizione napoleonica c’era questo blocco di granite su cui era incisa una dedica al faraone Tolomeo V Epifore in tre differenti caratteri: geroglifica, la prima scrittura usata in Egitto, demotica(lingua egizia dell’ultima fase) e in lingua greca, parlata dalla dinastia regnante, e che ebbe grande importanza per interpretare la scrittura egiziana.
Poiché la pietra fu ritrovata presso la città di Rosetta, sul Nilo, venne chiamata Stele di Rosetta.

Le due grandi personalità che si impegnarono nel lavoro di decifrazione della stela furono il fisico inglese Thomas Young e il linguista fracncese Jean-Francois Champollion.

La Stele di Rosetta, di cui una copia fedele si trova murata nella grande sala del pianterreno del Museo Egizio del Cairo, è tuttora nel possesso del British Museum di Londra , a dispetto delle reiterate richieste di restituzione da parte delle autorità egiziane di competenza.

Risultati immagini per stele di rosetta per bambini

Per avere altre informazioni propongo la visione di questo video