Insegno Sos…

Archivio per la categoria ‘CLASSE II C’

SINTESI SUL TESTO NARRATIVO

Per ripassare velocemente le caratteristiche del testo narrativo cliccate qui e guardate anche la mappa concettuale  su questo sito .

Adesso potete provare  voi a  costruire uno schema o una mappa su questo argomento. Buon lavoro!!

Il Testo Narrativo

2000 ANNI FA MORIVA AUGUSTO IL PRIMO IMPERATORE DI ROMA

Gaio Giulio Cesare Ottaviano Augusto nacque a Roma  il 23 settembre 63 a.C. e morì a Nola il 19 agosto 14 d.C. , conosciuto come Ottaviano o Augusto, fu il primo imperatore romano
Augusto, negli oltre quarant’anni di principato, introdusse riforme d’importanza cruciale per i successivi tre secoli.
L’età di Augusto rappresentò un momento di svolta nella storia di Roma e il definitivo passaggio dal periodo repubblicano al principato. La rivoluzione dal vecchio al nuovo sistema politico contrassegnò anche la sfera economica, militare, amministrativa, giuridica e culturale.
QUEST’ANNO (2014) SI CELEBRA IL BIMILLENARIO DELLA SUA MORTE, AVVENUTA IL 19  AGOSTO DEL 14 d.C.
Nel 14 d.C. Augustò morì a Nola fra le braccia della moglie all’età di settantasei anni. Secondo Svetonio  le sue ultime parole furono “Acta est fabula, plaudite!” (La commedia è finita, applaudite!), un finale proprio delle commedie di teatro di Roma antica. Con calcolata modestia, durante la vita non permise mai che gli fossero innalzati templi, se non in Oriente. Dopo la sua morte il senato, invece, rendendogli gli onori dell’apoteosi, lo divinizzò e il suo culto, associato a quello della dea Roma, divenne il legame morale e politico di tutto l’Impero.
 Nel suo ultimo giorno di vita, dopo essersi pettinato ed imbellettato, convocò gli amici e pronunciò la famosa formula finale delle commedie per chiedere il plauso per come aveva recitato sul palcoscenico della vita.
Poco prima si era intrattenuto a lungo in privato con Tiberio. Si congedò da Livia con la frase “vivi nel ricordo della nostra grande unione” e spirò fra le braccia di lei.
Morì nella stessa camera dove era morto suo padre. Mancavano trentacinque giorni al suo settantaseiesimo compleanno.
La salma fu trasportata a Roma  dove, dopo solenni onoranze e dopo l’elogio funebre pronunciato da Tiberio, fu cremata in Campo Marzio”  (Svetonio, Vite dei dodici Cesari)