Insegno Sos…

Archivio per la categoria ‘liceo geostoria’

Viaggio in Etruria

Risultati immagini per itinerario turistico etruria

 

Partiamo da OSTIA

Immagine correlata

Per informazioni sul sito clicca qui

“Placuit Ostiam petere, amoenissimam civitatem…

Decidemmo di recarci ad Ostia, piacevolissima città…”

Marco Minucio Felice, Octavius, 3.

 

VULCI : il parco naturalistico archeologico e la Tomba Francois 

 

Alcune immagini delle necropoli di CERVETERI e di TARQUINIA

Risultati immagini per tarquinia e cerveteriRisultati immagini per tarquinia necropoli

Risultati immagini per tarquinia necropoliRisultati immagini per tarquinia necropoli

Risultati immagini per cerveteri necropoli

Annunci

I BARBARI E L’IMPERO ROMANO

La storia delle invasioni barbariche  e la caduta dell’impero romano d’occidente nel racconto dello storico Alessandro Barbero.

 

 

 

ALESSANDRO MAGNO

Video sulla storia di Alessandro Magno da Ulisse di Alberto Angela  (clicca qui per vedere il filmato)

Risultati immagini per alessandro magno

 

La Dichiarazione universale dei diritti umani

Nel 1946 all’interno dell’ONU nasce la Commissione per i diritti umani delle Nazioni Unite che redige la Dichiarazione universale dei Diritti Umani, ratificata il 10 dicembre del 1948 dai 193 paesi aderenti all’Onu. Nei due video che seguono si racconta la nascita dell’ONU e sono riassunti i 30 articoli che compongono questo fondamentale documento internazionale per la tutela della dignità umana in tutto il mondo.

Novità dal neolitico: le donne erano la chiave della conoscenza.

DIMENTICATE lo stereotipo del passato che inquadra la donna sempre a casa con i bambini: nel Neolitico, al contrario di quanto si potesse pensare, erano loro le vere viaggiatrici. Abbandonavano la propria abitazione e si spostavano per centinaia di chilometri   diffondendo cultura e conoscenza. Un’analisi dei resti di persone vissute alla fine dell’Età della pietra nella zona di Lecthal (Germania) e sepolte tra il 2500 e il 1650 a.C. ci fornisce infatti una nuova chiave sul ruolo delle nostre antenate: si spostavano più dei maschi, erano portatrici di cultura e furono fondamentali per lo scambio di informazioni tecnologiche e saperi (continua la lettura).
Per altre informazioni visita anche questo sito
Risultati immagini per nel neolitico erano le donne la chiave della conoscenzaRisultati immagini per nel neolitico erano le donne la chiave della conoscenza

UNA NUOVA SCOPERTA : ALESI

Scoperti in Africa i resti dell’antenato comune di scimmie e uomo: risalgono a 13 milioni di anni fa e appartengono a un cucciolo che alla morte aveva solo 1 anno e 4 mesi e che i ricercatori hanno chiamato Alesi. Il fossile è stato individuato in Kenya e attribuito a una nuova specie del genere Nyanzapithecus, un gruppo molto vicino sia a una specie di scimmie, i gibboni, sia all’uomo. ”Nyanzapithecus Alesi faceva parte di un gruppo di primati vissuto in Africa per oltre 10 milioni di anni”, ha rilevato Nengo. ”La scoperta – ha aggiunto – ci mostra che questo gruppo era africano e si colloca vicino all’origine delle scimmie e dell’uomo”.

Per la prima volta, quindi, l’antenato comune di scimmie e uomo ha un volto e un luogo di nascita. Si sa pochissimo infatti dell’evoluzione di questi antichissimi primati e, soprattutto, finora non si aveva alcuna certezza che fossero nati in Africa. Il cranio scoperto ha le dimensioni simili a quelle di un limone e a prima vista il piccolo muso somiglia a quello di un cucciolo di gibbone. Ma le immagini ai raggi X ottenute nelle analisi condotte in Francia, presso il Centro europeo per la luce di sincrotrone Esfr (European Synchrotron Radiation Facility) di Grenoble, hanno rivelato la sua struttura interna.

È stato così evidente che la cavità del cervello, i denti, le orecchie interne, con i tubi auricolari completamente sviluppati, hanno caratteristiche comuni tanto alle scimmie che all’uomo. Per  Altre informazioni clicca qui

primati,fossili,kenya,paleontologia

 

Ti piace la storia?

Per iniziare insieme questo percorso sulla conoscenza del mondo antico, vi propongo di riflettere su questa breve lettera  che Antonio Gramsci dal carcere, nel 1937, scrisse al figlio Delio

Studia la storia (Lettera XXXVI)
Carissimo Delio,
mi sento un po’ stanco e non posso scriverti molto. Tu scrivimi sempre e di tutto ciò che ti interessa nella scuola. Io penso che la storia ti piace, come piaceva a me quando avevo la tua età, perché riguarda gli uomini viventi e tutto ciò che riguarda gli uomini, quanti più uomini è possibile, tutti gli uomini del mondo in quanto si uniscono fra loro in società e lavorano e lottano e migliorano se stessi, non può non piacerti più di ogni altra cosa. Ma è così?
Ti abbraccio.
Antonio

Risultati immagini per lettera di gramsci al figlio delio sulla storia

TROVATE SUL WEB INFORMAZIONI SU ANTONIO GRAMSCI E PROVATE ANCHE VOI A RISPONDERE ALLA DOMANDA CHE RIVOLGE AL FIGLIO.

BUON LAVORO!!